Navigation – Plan du site

Journal de voyage du cardinal-légat Alexandre de Médicis

Rome, bibliothèque Angelica, ms. 1372, fos 30ro–95ro
Travel journal of Cardinal-Legate Alessandro de Medici (Rome, Biblioteca Angelica, ms. 1372, fol. 30r–95r)
Das Reisetagebuch des Kardinallegaten Alessandro deʼ Medici (Rom, Biblioteca Angelica, Ms. 1372, cc. 30r–95r)
Alessandro deʼ Medici

Résumés

Le texte dont nous proposons ici des extraits décrit les événements survenus durant la légation en France du cardinal Alexandre de Médicis et plus précisément depuis son départ de Rome, le 10 mai 1596, jusqu’à son retour à Ferrare, le 10 novembre 1598. La lettre de dédicace qui lui sert de préface nous indique que l’auteur, Francesco Gregorij da Terni, faisait partie de la suite du cardinal. Or la structure même du texte trahit le fait qu’il ne s’agit pas de notes rédigées au cours du voyage, mais bien plutôt d’une reprise au propre desdites notes, le manuscrit n’ayant été achevé qu’en 1599, toujours si l’on en croit la dédicace. Il existe plusieurs versions de ce journal (Paris, Bibliothèque nationale de France, ms. Ital. 662 ; Rome, Archivio vaticano, Fondo Pio, ms. 13. D’après Barbiche 1997, p. 607, note 9). Celle que nous présentons ici, conservée à la bibliothèque Angelica à Rome, revêt un intérêt particulier du fait des corrections « diplomatiques  » qu’elle contient. Celles-ci furent apportées par un tiers – Alexandre de Médicis lui-même, selon toute vraisemblance – sans doute en vue d’une publication ou d’une autre forme de diffusion. La transcription qui suit se concentre sur les passages du texte nous renseignant sur la perception de la cour de France. Il s’agit notamment d’audiences du légat auprès du roi Henri IV, de cérémonies officielles et religieuses ainsi que des négociations ayant abouti à la paix de Vervins (1598). Nous avons également transcrit des descriptions de Paris et d’autres villes du royaume présentant un intérêt historique ou culturel.

Haut de page

Notes de la rédaction

La présente édition d’extraits du « Journal de voyage du cardinal-légat Alexandre de Médicis » (Rome, bibliothèque Angelica, ms. 1372, fol. 30r–95r) a été réalisée par Christina Strunck, chercheur associé à l’Institut d’histoire de l’art de l’université de Marburg en Allemagne. Cette édition de source accompagne la contribution de Christina Strunck, « Un cardinal-légat au pays des hérétiques : la perception de la cour de France par Alexandre de Médicis et sa suite (1596-1598) » (P. 23-40), publiée dans l’ouvrage Voyageurs étrangers à la cour de France, 1589-1789 : regards croisés, sous la direction de Caroline zum Kolk, Jean Boutier, Bernd Klesmann et François Moureau, coédition Presses universitaires de Rennes / Centre de recherche du château de Versailles, collection « Histoire », série « Aulica. L’univers de la cour », septembre 2014, ISBN 978-2-7535-3483-4. La version allemande de cette contribution est disponible dans la section « Documents annexes » de cette édition de source.
Traduction française du texte de présentation : François-Xavier Durandy

Texte intégral

Je tiens à remercier Caroline zum Kolk, qui a encouragé ce travail, ainsi qu’Alexandra Pioch et le traducteur François-Xavier Durandy.

Règles de transcription

1En matière d’orthographe et de casse, nous avons cherché à rester au plus près du texte original. L’auteur pratique toutefois de nombreuses contractions, comme luna pour l’una, etutte pour e tutte ou doro au lieu de d’oro ; afin de faciliter la lecture, nous avons choisi de séparer ces mots sans l’indiquer en note. Les abréviations usuelles n’ont pas été développées mais par souci esthétique, nous avons renoncé à composer des syllabes entières en exposant (par ex. Ill.mo). Quand l’auteur a employé un signe d’abréviation au-dessus d’un mot, la lettre supprimée a été rétablie entre parenthèses, par ex. vaňo = van(n)o, co~ = co(n). Les signes de ponctuation entre crochets ont été ajoutés par nos soins afin de faciliter la lecture. L’auteur marque généralement la fin d’un paragraphe non pas par un point, mais par un trait se prolongeant jusqu’au bout de la ligne. Ce trait a été remplacé par un [.] et un saut de ligne. L’auteur ne marque jamais la césure des mots en fin de ligne, pas même par un tiret. Nous avons réuni les mots ainsi coupés, sans l’indiquer. L’auteur n’accentue que très rarement ses voyelles (par ex. pour différencier e et è ou pour marquer la troisième personne du singulier au passé simple). Les accents manquants n’ont pas été rétablis, le contexte suffisant à lever toute ambiguïté.

2Les passages en italiques sont ceux ajoutés a posteriori et présentant une écriture différente, quoique toujours la même. Les passages biffés n’ont été rétablis que s’ils étaient encore lisibles et que leur contenu présentait un intérêt. La plupart des mots rayés l’ont néanmoins été si soigneusement qu’ils sont devenus impossibles à déchiffrer. L’auteur de ces suppressions et de quelques ajouts semble également avoir introduit des signes de ponctuation : de nombreuses virgules tranchent avec le reste du texte par la couleur de l’encre, l’épaisseur du trait et la position sur la ligne. Nous avons toutefois renoncé dans notre transcription à distinguer les virgules « d’origine » de celles apportées a posteriori.

3Le manuscrit est composé avec une marge gauche relativement large, dans laquelle sont parfois inscrits des mots-clés faisant pratiquement office d’intertitres et visant à faciliter le repérage au sein du texte. Ces mots ont été retranscrits entre crochets et précédés de la mention « In Margine ».

4La pagination citée est celle, moderne, se trouvant en bas à droite du volume des Miscellanea et non pas la pagination originale, inscrite à l’encre et ne se rapportant qu’au seul manuscrit de l’auteur.

Transkriptionskriterien

5Betreffs Orthographie, Groß- und Kleinschreibung wurde versucht, dem Original möglichst exakt zu folgen. Der Autor zieht allerdings oft Wörter zusammen, z. B. „luna“ statt „l’una“, „etutte“ statt „e tutte“, „doro“ statt „d’oro“. Um der besseren Lesbarkeit willen wurden die Wörter in solchen Fällen stillschweigend separiert. Gebräuchliche Abkürzungen wurden nicht aufgelöst; um das Textbild ruhig zu halten, wurde aber darauf verzichtet, hochgestellte Wortbestandteile typographisch als solche wiederzugeben (z. B. Ill.mo). In Fällen, wo graphische Abkürzungszeichen über den Wörtern erscheinen, wurde der abgekürzte Buchstabe in runden Klammern eingesetzt, z. B. „vaňo“ = „van(n)o“, „co~“ = „co(n)“. In eckigen Klammern erscheinen Satzzeichen, die ich um der besseren Lesbarkeit willen eingefügt habe. Das Ende eines Absatzes markiert der Autor üblicherweise nicht mit einem Punkt, sondern mit einem langen Strich, der den Rest der Zeile füllt. Ich habe dies mit [.] und Zeilenumbruch wiedergegeben. Der Autor verwendet keine Silbentrennung mit Bindestrich, sondern setzt ein am Ende einer Zeile begonnenes Wort am Anfang der nächsten fort, ohne die Zusammengehörigkeit beider Wortteile graphisch kenntlich zu machen. In solchen Fällen habe ich das Wort stillschweigend zusammengeschrieben. Der Autor verwendet nur sehr selten Akzente auf Buchstaben (um z. B. „e“ und „è“ zu unterscheiden oder die 3. Person Singular des Passato remoto zu markieren); solche Akzente wurden nicht ergänzt, da das Gemeinte aus dem Kontext heraus verständlich ist.

6Kursiv erscheinen die Textpassagen, die nachträglich in einer anderen Handschrift (immer von demselben Bearbeiter) eingefügt wurden. Gestrichene Passagen wurden nur dann wiedergegeben, wenn sie noch lesbar und inhaltlich relevant sind. Meistens wurden gestrichene Wörter jedoch so sorgfältig getilgt, dass sie nicht mehr entziffert werden können. Derselbe Bearbeiter, der die Streichungen und gelegentlichen Einfügungen vornahm, scheint auch Satzzeichen eingefügt zu haben, da sich Tintenfarbe und Strichstärke vieler Kommata vom Rest des Textes unterscheiden und oft nicht organisch in den Textfluss eingefügt sind. In der Transkription wurde aber darauf verzichtet, zwischen „originalen“ und nachträglich eingefügten Kommata graphisch zu differenzieren.

7Der Seitenspiegel des Manuskripts verfügt über einen relativ breiten linken Rand, auf dem manchmal Stichworte erscheinen, die (quasi als Kapitelüberschrift) die Orientierung innerhalb des Textes erleichtern sollen. Diese Texte habe ich mit dem Zusatz „In Margine“ in eckige Klammern gesetzt.

8Die zitierte Paginierung ist die moderne, durchlaufende Paginierung am unteren rechten Seitenrand des gesamten Miscellanea-Bandes (nicht die originale, mit Tinte eingetragene Seitenzählung, die sich nur auf Gregorijs Manuskript bezieht).

Fig. 1 : Folio 32 du journal de voyage du cardinal-légat Alexandre de Médicis. Rome, bibliothèque Angelica, ms. 1372.

Fig. 1 : Folio 32 du journal de voyage du cardinal-légat Alexandre de Médicis. Rome, bibliothèque Angelica, ms. 1372.

Photo : Biblioteca Angelica, Rome

Transcription

[fol. 30r-fol. 30v] Allʼ Ill.mo et Rev.mo Sig.re et padrone mio sempre Colendissimo

9[fol. 30r] Il Sig.re Cardinale di Fiorenza

  • 1 Christianissima.

10Per essermi trovato presente con V. S. Ill.ma et Rev.ma come suo fideliss.mo servitore nelʼ Viaggio fatto della sua legat.ne di Francia, dove giornalm.te ho notato il suo arrivo di luogo in luogo et de incontri riceuti come di ogni altro honore che lei ha(v)uto si de Principi et altre Citta de Italia, come in Francia, oltre poi la venuta incontro di Sua Maesta Xp.ma,1 et havendo poi V. S. Ill.ma fatto molte notabile attioni tra le quale la conclusione della S.ta Pace tra le due Potent.me Corone et l’Altezza di Savoia che non solo e stato di grandiss.mo benefitio delli doi granʼ Regni; ma assieme di tutta la Christianita come al mondo Tutt.a appariva, magg.te si anco de molti particolari della Citta di Pariggi, et delʼ Regno di Francia, et altre simili, le quali ho messo qui meglio che ho saputo et se non sarranno scritte in stile elegante; sarranno almeno vere et non alterate nella sustanza loro, Pero per dare a V. S. Ill.ma saggio della devot.ma servitù mia, mi e parso dedicarle questa piccola operetta, et insieme, supplicarlle degnarsi [fol. 30v] di agradirlla et accettarlla con quella benignita che suole fare verso suoi fideli servitori, non tanto per ilʼ piccol dono, quanto per venire da una, et buona volunta che havero sempre in servire V. S. Ill.ma et Rev.ma per laquale prego continuam.te Iddio per la lunga et intiera sua conservat.ne, et assieme doni ogni altra magg.re essaltat.ne che per fine facendoli humiliss.ma Riverenza,

11Di Roma li 14 di Nov(em)bre 1599
Di V. S. Ill.ma et Rev.ma

12fideliss.mo et obligatiss.mo sevitore
Francesco Gregorij da Terni

[fol. 31r] Vescovi e Prelati venuti in detta legat.ne sono questi

13Mons.re Gonzaga Vescovo di Mantova Nuntio
Mons.re Spinello Benci Vescovo di Mont(e) Pulciano
Mons.re Grimani Vescovo di Torcello
Mons.re Vescovo di Termoli Theologo
Mons.re Giusti Auditore di Ruota Datario
Mons.re Adorno Referendario
Mons.re Amalteo Sec.rio della legat.ne
Mons.re Raggazzoni Prottonotario
Mons.re Malvicino Prottonotario
Mons.re Abbate Bandini

[fol. 32r] Ragguaglio del Viaggio fatto da Roma a Pariggi dall’Ill.mo Sig.re Card.le di Fiorenza l’anno 1596

14[…]

[fol. 40r-fol. 41v] Lione [Lyon]

15[fol. 40r] Il martedi 25. detto doppo havere SS.ria Ill.ma desinato si partì da detto luogo et fece l’Intrata Pontificalm.te nella Città di Lione secondo il solito andando inanzi cariaggi di SS.ria Ill.ma al nu.o di 44 et poi la Cavalcata di 145. cavalli et molti altri pedoni che fra tutti erano al nu.o di 280 p(er)sone [.]

  • 2 natione ?

16[fol. 40v] fù il Sig.re leg.to accompag.to dal Sig.re Gov.re Magistrati et altri gintilli di d.a Citta in grandiss.ma cavalcata dove alla porta della Citta stavano aspetta(n)do il Clero con le regole de relligiosi [;] entrò dunq. il Sig.re Card.le leg.to a cavallo con la Cappa rossa, et sotto al Baldachino fatto della Citta et si tirorno molti colpi di Arteg.rie; le strade poi erano parate di Tappezarie da ogni banda vi era in ordinanza grand.ma qua(n)tita di soldati al nu.o cira cinque mila tutti beniss.mi adobati si de vestim.ti come di belliss.me Arme, stesi dalla porta sino al Duomo che vi è un bon miglio et mezo che facevano vista mirabile, et al intrare fu tra loro alquanto rumore di precedenza per conto del Baldachino tra il Mag.to della Citta et quelli del Clero, ma il Mag.to prevalse sino vicino al Duomo dove stava l’Arciv.o parato de Peviale, et con lʼaltro Bald.no quali ambe dua furno dal populo sachegiati, et similm.te la Mula del Sig.e Card.le leg.to da quei soldati, usanza di tale attione [sic],2 benche poi fussi restituita et usatoli bona mancia, et alla porta della Chiesa [fol. 41r] se non vi fussi stato fatto una bona sbarra di legname da quel Gov.re non solo la d.a Mula sarebbe persa, ma la persona ancora del Sig.e leg.to havrebbe patito in tanto tumulto [;] fatte le solite cerimonie in Duomo di cantare il Te Deum et dato la solita Indulg.a al gran populo, il Sig.re Card.le legato andò poi allogiare con l’Arciv.o di d.a Citta, col quale dimorò sino li 27 d.o poi la sera SS.ria Ill.ma ando allogiare con li SS.ri Capponi dove dimorò quattro altri giorni da q.li si receverno molte cortesie et amorevolezze.

17È la Citta di Lione situata appiè di una Collina per quanto si vede, dove vi passano doi gran fiumi l’uno il Rodano grande per 3. volte il Tevere di Roma, che passa alle mura di d.a Citta co(n) un belliss.mo ponte murato longo di 900. passi nostrali, et lʼaltro fiume minore che passa p. mezzo la Citta chiamato la Sona con bel Ponte murato circa di 300. passi che poi fuor della Citta si congiunge con il Rodano et poi la Sona perde il nome, seguendo il Rodano verso Avignione et Marsilia; la Citta de Lione è grande, e populata di [fol. 41v] 90 in 100 mila anime et molto mercantile con belliss.me Chiese tra q.li nel Duomo sotto Tittolo di San Giovanni Battista si celebrano i divini offitij da quel Clero senza havere alcuno libro avanti et la mag.e parte di loro dicono a mente e bene.
[…]

[fol. 43r-fol. 44v] Rè [Rencontre avec le roi à Montlhéry]

  • 3 Châtres (voir Barbiche 1997, p. 618).
  • 4 Montlhéry.
  • 5 Il s’agit sans doute de Pierre Forget, seigneur de Fresnes (voir Lettres du Cardinal de Florence 19 (...)
  • 6 Le feuillet est ici abîmé, rendant illisibles les deux lettres du milieu.

18[fol. 43r] […] Da Sciatre3 si parti il martedi matt.a 16 d.o si ando una lega piu oltre dove si arrivo a Monleri4 Terra et quivi se dimoro anco sino a Dom.ca matt.a 21 d.o che cosi i ministri del Re ci andavano trattene(n)do volendo p.ma Sua Maesta venirvi a visitare il Sig.re Card.le leg.to avanti che intrasse in Pariggi come fece.
[In Margine: Rè] Il Re Xp.mo dunq. havendo havuto notitia della venuta del Sig.re Card.le leg.to si parti d’Abbeville di Piccardia dove stava presso al suo Campo discosto da Pariggi circa 40. leghe [fol. 43v] cosi su le poste ven(n)e accompagnato solo da 30 in 35 suoi familiari a visitare il Sig.r Card.le leg.to che fu il venerdi mat. 19 di luglio in d.o luogo di Monleri, dove si vederno m.ti segni di gran devot.ne, affett.ne et obedienza verso S.ta Chiesa et persona del Sig.e leg.to, et essendo che alla porta di d.a terra dal popolo e Clero gli era preparato il Bald.no, rispose S. Maesta Xp.ma che il Bald.no per allora non lo voleva perche conveniva a Mons.re leg.to et così arrivo all’allogiam.to di SS.ria Ill.ma et fatto i soliti complim.ti, entrorno in sala dove per un ora et mezza negotiorno col interpr. di Mons.re di Frana [sic]5 sec.rio di S. Maesta Xp.ma sempre dritti, anc(or)che6 vi fusserno preparate due sedie. nel Nominare il Papa S. Maesta sempre si cavava il Cappello [.] nel fine del neg.o il Re fece cenno a quei Principi che erano seco accio facesserno Riv.a al Sig.e leg.to, come fù il Duca di Monpensiero Principe del Sangue, poi il Duca di Umena che e il piu bello Cav.re che si possa veder [,] il Duca di Nivers, il Duca di Nemours, il Cont. di Prescia, [fol. 44r] et Monsù Legran; poi S. Maesta se ne ritorno verso Pariggi et portando su l’arcione del Cavallo una pistola disse soridendo al Sig.re leg.to che non si maravigliasse di quella perche la portava per causa de suoi inimici et si parti su le med.e poste lassando a ciascun di se gran sodisfatt.ne et fu in vero favore grand.mo non essendo solito che un Re di Francia vada ad incontrare et a visitare Card.li leg.ti magiorm.te venendo tanto discosto su le poste.

19La Dom.ca matt.a festa di S.ta Prasede suo Titolo 21. di luglio partendosi SS.ria Ill.ma da Monleri con Cavalli et Carozze provista in Pariggi da ministri del Re per tutta la Corte app.o una lega di Pariggi ven(n)e incontro il Principino di Condé successore del Regno putto di circa dieci anni q.le era in lettica di velluto nero con oro coperta a guisa di carozza con tre Paggi inanzi e livrea a cavallo de quali uno portava la spadina alzata di d.o Principino et app.o gran cavalcata, smontati di lettica ambe dua e fatto li soliti complim.ti rientrorno in lettica et si seguiva il Viagio venendo d.o Principino del pari procedendo il Sig.re leg.to alla destra [fol. 44v] et arrivato alla gran nobiliss.ma Città di Pariggi si entrò prima nel borgo di San Giacomo dove SS.ria Ill.ma ando a smontare nella Chiesa et Abbatia del Sig.re Card.le Gondi secondo il solito del Viaggio e quivi a spese del Re se desinò con sontuoso banchetto con tutta la Corte, restandovi a desinare d.o Sig.re Card.le Gondi et altri Vescovi francesi, et d.o Princip.no ando a desinare dentro in Pariggi. quivi nel banchetto a SS.ria Ill.ma assisteva la musica del Re, e con gran populo app.o per vedere il Sig.re leg.to; doppo desinare ritornò detto Principino et quivi allato col Sig.re leg.to stava a ricevere i complim.ti del Parlam.to et altri Mag.ti della Citta co(n) tutti Cleri et Regole de relligiosi, che ciascuno facevano breve orat.ni latine al Sig.re leg.to a quali SS.ria Ill.ma li respondeva et in quel istante si metteva in ord.e la cavalcata che fu sopra modo grand.ma di nobiltà con tre compag.e di Cavalligieri et due altre di Archibugieri et app.o co(n) molti trombetti et tamburi.

[fol. 44v-fol. 54r] Pariggi [Paris]

20[In Margine fol. 44v: Pariggi] Entrò poi SS.ria Ill.ma nella gran Città di Pariggi a cavallo Pontificalm.te con Cappa rossa et due mazze di Argento e sotto a un [fol. 45r] belliss.mo Bald.no, et di dietro venivano non solo li Vescovi et Prelati che erano seco ma di molti altri Vescovi francesi, et inanzi a SS.ria Ill.ma calvalcavano d.o Principino di Conde, et il Duca di Monp.o come Principi del Sangue [;] per le strade vi era tanta grande quantita di populo et soldati in ordinanza che piu non potrei dire [;] andato a n.ra Dama Duomo di d.a Citta et smontato SS.ria Ill.ma da Cavallo non solo il bald(achi)no dal populo fu messo in cento pezzi, ma anco la mula tolta da soldati con suoi finim.ti benche doppo fussi restituita et usato la mancia ma fu anco in gran pericolo la persona di SS.ria Ill.ma per il tumulto che vi era con tutto che fussi stato fatto gran [ein Wort unleserlich]; entrato poi SS.ria Ill.ma in Chiesa dove alla porta stava il Sig.re Card.le Gondi parato de Peviale et col suo Clero si ando al Altare magg.re et quivi dato l’Indulg.a al gran populo; Andò poi SS.ria Ill.ma a smonatre in un palazzo particolare di S. Maesta app.o S.to Ant.o che lo chiamano il Palazzo di Navarra provisto di ogni cosa necess.ria et in part.re di tre stupend.mi param.ti di tappezarie d’oro di Sua Maesta con un letto di broccato d’oro riccio sopra riccio, et con doi baldachini del [fol. 45v] med.mo che fra tutto si credeva la valuta de 20. mila scudi, diece giorni S. Maesta fece la spesa a tutti facendosi giornalm.te da quei ministri banchetti sontuosiss.mi con Regio servito a tutte le tavole in argento e dicono si spendeva sicuram.te da 350 ▼ il giorno, e giornalm.te assisteva anco la musica del Re mentre che il Sig.re Card.le leg.to udiva messa.

  • 7 Saint-Maur.

21Il primo giorno d’Agosto il Sig.re Card.le leg.to ando dal Re all’Udienza publ.ca, dove S. Maesta stava a San Moro7 due piccole leghe fuor di Parigi, arrivato al sud.o luogo e smontato SS.ria Ill.ma di letiga su la porta del Palazo stavano di incontro li SS.ri Duchi di Mompinsiero, et di Umena quali condussero SS.ria Ill.ma alle sue stantie gia assegnate per quel giorno che erano nobilmente addobbate, et poi i sud.i Duchi condussero SS.ria Ill.ma da S. Maesta Xp.ma quale ven(n)e incontro una Cam.ra e fatto i complimenti soliti S. Maesta lo prende per mano et lo condusse in Cam.ra e postosi a sedere ambe dua in due sedie simili indi a poco S. Maesta chiamò il Sig.re Card.le Gondi per interprete del neg.o quale stava dritto et con [ein Wort unleserlich] in mano, come anco li Duchi et altri, Vescovi et m.ti Cav.ri, finita la [fol. 46r] Udienza di un hora, si ando di compag.a a udir messa in San Moro quivi fuor del Palazzo, et postosi in ginochioni [alli soliti?] del pari, separati l’un all’altro p. doi palmi [;] S. Maesta haveva lo strato di tappeto con doi guanciali di velluto cremesino, et il Sig.re leg.to haveva lo strato di velluto cremesino con med.mi guanciali, et perche in quel luogo non essendovi altro questo S. Maesta volse che lo havesse il Sig.re leg.to, et al Vangelio, et la pace a S. Maesta assisteva il Sig.re Card.le Gondi, et al Sig.re Card.le leg.to l’Arciv.o di Burges p.mo Prelato di quel Regno e gran Elemosiniero di S. Maesta Xp.ma [.] fenita la messa ritornorno nel sud.o Palazzo et quivi assieme desinorno stando ambe dua a Tavola da una banda, tenendo sempre S. M.a la man destra et facendo molti favori al Sig.re leg.to porgendoli con sua mano alcune cose e tagliandoli due fette di un piccolo Melone, li altri Duchi Vesc.vi e Prelati desinorno in due altre Sale, divisi in due gran Tavole in una tenendo il p.mo luogo il Duca di Momp.o et nel altra il Duca di Umena et fecesi maraviglioso banchetto, alqua(n)to dopo il Sig.re leg.to si licentiò da S. Maesta, et la sera ritorno in Pariggi, et quivi fu l’ultimo [fol. 46v] pasto della spesa fatta da i ministri del Re al Sig.re Card.le leg.to e tutta la Corte con reggio servito et abondanza di robbe, come di sopra si e d.o, et come anco li 9 giorni che il Sig.re leg.to si tratten(n)e a Sciatre et a Monleri fu da sud. ministri presentato giornalm.te di Capponi, piccioni, pollastri et alcune Vitelle, et di magro alcune some di pesce et altri simili.

22La Citta di Pariggi e posta in bell.ma pianura senza alcun Mont(e) o Collina app.o, e di Aere perfett.ma [.] la Citta senza i borghi havendola misurata la trovo di lungheza 3830 passi nostrali per via dritta; et di larghezza 3650 simili, et i borghi circa mille passi l’uno, ma quel di San Giacomo per dove si fece l’intrata e piu longo di tutti che e de 1740 passi et il simile quel di San Marcello, et il borgho di San Germano di Case e piu grande de tutti e come una Citta che m.ti Anni sono inanzi le guerre dicono che facesse da 18 mila anime [.] nella Citta vi sono 14 porte de quali ne sono remurate 5 molti anno sono; le strade sono bell.me larghe lunghe e bene lastricate di pietre quadre molto comode, le case sono tutte senza grondaie et li tetti coperti tutti a capanna di lastre piccole sottili [fol. 47r] di pietra nera, alle finestre in cambio de impan(n)ate usano tutti di belliss.e invetriate in gra(n) copia ma non si veggono le belle facciate de Palazzi come In Italia, si habita stretto p(er) tutte le case et sono fatte in buona parte le mura con legni et le scale tutte à lumacha strette e scomode, usano la magg.e parte i param.ti delle case di paglia lavorata a treccie; vi sono 44 Palazzi de SS.ri Principali, non si veggono piatti di terra, ma tutti di Stagnio, de quali si trova gran quantita et in cambio di rame si usa Ottone; per la Citta si veggono gran quantita di botteghe due volte di piu che siano in Roma, vi sono da 85. fondachi di panni tutte botteghe grosse et in una strada solam.te vi sono contate 184 botteghe di orefici oltre che per la Citta ve ne sono de molte altre che in tutto possono essere circa 300 orefici, vi sono almanco 12 botteghe grosse di penacchi [,] vi sono altre tante di penne da scrivere senza tenervi altro [,] vi sono da 22 botteghe di Orlogieri [,] vi sono da 45 botteghe che fan(n)o l’invetriate; vi sono da 110 Arrosticcieri, quali tengono varij pelati in gran quantita oltre di ogni sorte di carne che in vero fa bell.mo vedere, vi sono da 120 pasticcieri [,] vi sono da 150. becchari e tutti tengono belliss.e carni in gran [fol. 47v] quantita, et non vendono a libra ma a taglio, vi sono da 250. giuochi di palla a corda belliss.mi et ben fatti che molti anni sono inanzi le guerre dicono che ne venivano sopra d.i giuochi da sette mila persone et finalm.te grand.ma quantita di botteghe di ogni sorte di mercantie in gran numero. Vi sono 68. chiese curate, 30 Cappelle, 46 Collegij di studij ben che hora ve ne siano pochiss.mi scolari rispetto a molti anni sono, sicome ogniun sa, che lo Studio di Pariggi era il piu bello et piu fiorito che fussi In Europa p(er)che asciendeva al nu.o di 40: mila scolari; Vi sono sette Hospitali [.].

23Le Chiese ve ne sono de molte altre e tutte universalm.te di m.to gran fatiche di gran spesa et belliss.e facciate con quantita de intagli, dove tengono il Sant.mo Sacram.to in Aria, a giusa di la(m)pade de Italia, sopra l’Altare mag.re una [più?] alta; sono per esse Chiese belliss.mi Chori con cancellate di belliss.mi lavori, et han(n)o grandiss.mi finestroni con invetriate belliss.e [mehrere Worte ausgestrichen] belle pitture et queste servono per [ein oder zwei Worte ausgestrichen] imagine de Santi p. le Chiese, sopra l’Altari han(n)o quattro e sei Santi di rillievo di legname, et di pietra depinti et indorati, et han(n)o assai ottoni [fol. 48r] per ornam.ti delli Altari et del Choro con belliss.mi lavori.
Le Domeniche e feste solenne usano doi e tre parrochiani far ciascuno un pane grandiss.mo quanto si possa portare un homo assai bello et buono che poi il sacerdote lo benedice, et alla messa cantata alcuni serventi della Chiesa portano al offertorio di pani, una facola et un gran bocale di vino per ciascuno poi d.i serventi in sacrestia tagliano d.i gra(n) pani, dandone p.ma un bon taglio per ciascun a Canonici et preti di essa Chiesa il restante lo portano per la Chiesa ne panieri dandone un piccol pezzetto a ciascuna p(er)sona invitando quel populo alla S.ta comunione con q.to uso antico di Francia, et in quel istante che si celebra d.a messa ca(n)tata le don(n)e pure che fanno d.i pani usano andare [ein Wort unleserlich] per d.a Chiesa per li poveri quali portano bell.me Tazze d’oro, et vi vanno di ogni sorte di qualita, di ricche, di nobili, di giovani, di belle, di maritate et di zitelle e per allora non portano maschere in viso, cosa certo degna di vedere, et m.to piu da imitare et per tutte le Chiese il populo vi sta con molta devot.ne [.]

  • 8 Saint-Médéric (voir Lettres du Cardinal de Florence 1955, p. 68-69).
  • 9 n‘è.

24[fol. 48v] Il Vescovo di Parggi celebrando messa solen(n)e per le Pasche tiene la Mitra in testa, no(n) levandosela se non sino quando vuol pigliare il Sant.mo Sacram.to, et doppo essersi comunicato, se la rimette, et li Canonici per le messe delle Pasche stan(n)o col Piviale adosso; vi sono per tutte le Chiese gran quantita de Relliquie et in diversi luoghi il legno della Sant.ma Croce de Xpo. N. S.re in part.re nella S.ta Cappella di Pariggi doi gran pezzi di essa Croce, e la Corona de spine di Xpo. N. S.re [.] han(n)o gran quantita di Campane che al mondo non si possono sentire le migg(lio)ri e tutte sonano musicalm.te, Vi sono gran quantita di Regolari di ogni sorte per le Pasche alla Comunione stan(n)o con belliss.o ord.e et la Quadrag.ma si osserva grandem.te [drei Worte ausgestrichen] concedendosi solo che si possa magnare [burri e?] latte di vaccha et formagio Parmigiano per esservi molto caro l’olio: Da Natale sino alla Candelora quasi per tutta la Francia dove sia dedicato il Duomo alla Mad.a si magnia ogni sabato carne con Privilegij de Som(m)i Pontefici, et li 3. giorni [fol. 49r] delle Rogationi fanno strettiss.mi digiuni: Per la Città usano [l’invetrata?] la notte per tutti li canti che sono tenere belliss.mi, lanternoni invetriati con lume acceso accio possa ogni uno far li negotij, Vi sono da 90. Parochie e in diversi luoghi li Parrochiani provedono di ogni cosa necess.ria per le Chiese, et In part.re nella Parrochia di San Mederilo8 vi sono 36. pezzi di panni di Arazzi con la vita di Xpo. N. S. che in vero sono belliss.mi dicono di valuta da 15 mila scudi, i quali pezzi sono stati fatti da essi Parrochiani [.] il pane vi si fa de piu sorte bello e bono ma piu tosto caro et la magg.re parte viene di fuora condotto da diversi contadini in gran quantita di Carri per giorni di mercato ogni mercordi et sabato facendosi in 8. piazze senza poi ordinariam.te li molti fornari che sono per la Citta, Il Vino la magg.re parte e boniss.mo il Claretto e tutti rossi, ma cariss.mi che vale a ragione di 6 et 7. scudi d’oro il barile di Roma, Il pesce ve ne9 bono, assai, e tanto [fol. 49v] di mare ma ben caro, et vi si vede gran quantita di pesce vivo che si vende per d.e 8 piazze di mercato essendovi nel fiume continuamen.te al ponte Sciancio da 70 picole barche [bucate?] piene et in un altro luogo da 30 altre barche similm.te co(n) pesci vivi [.]

  • 10 Palais.
  • 11 estate.

25Per mezzo la Citta vi passa il fiume Senna per il quale vi si conducono molti merci con barche, il quale fiume si divide e fa Isola dove e il Duomo e qua(n)tita di Case e botteghe, la S.ta Cappella et il Pale10 o Palazzo Reale Antico dove e il Parlam.to et Camera de Conti et una gran Sala col pavim.to di marmo bianco et nero lunga 112 passi et larga 45 dove per mezzo di d.a Sala vi sono 8 Colon(n)ati quadri di pietra [einige Worte unleserlich] et atorno di d.a Sala sono al nu.o di 16 Statue di tutti li Re di Francia di pietra depinti m.to Antichi, in testa di d.a Sala e una Tavola di marmo nero lunga di 28 passi et app.o vi e un’altra Sala con belliss.a soffitta messa d’oro dove [fol. 50r] giornalm.te si riduce il Parlam.to, Camera de Conti et altri Magistrati per loro affari [.] Sono anco in d.o Pale due Gallerie e tre Scale [.] la piazza nela quale vi sono al n.o di 224 botteghe de diverse belle gentileze, continuam.te ve si vedono gran quantita di Nobilta et altre sorte di genti si de huomeni come di don(n)e per comprare robbe, Sopra d.o fiume sono 6. ponti, tra quali tre murati benche uno non sia fenito et le altri fondati su legni e tutti sono con Case di sopra molto bene accomodati et passandovi di sopra d.o fiume non si vede se pero non si entra dentro alle botteghe, ne meno si acorge uno che non sapia che vi passa sopra d.o fiume, ma li mesi passati uno di essi ponti di legno il fiume se lo porto via con 6 mole da grano et con morte circa 100 persone oltre la perdita di molte robbe; Vi sono similm.te per la Citta [18?] fontane che usano tutti per bevere, alle quali continam.te va molto populo per prenderne ancorche si usi anche l’acqua [fol. 50v] del fiume che e boniss.ma, Vi sono 117 spetiarie se bene in aparenza non sono sì belle come in Roma, Vi sono [Zahl unleserlich] Drogarie silmilm.te vi sono 80. botteghe di Sellari et in una strada solo ne sono 22. botteghe [mehrere Wörter ausgestrichen] Vi sonno [mehrere Wörter ausgestrichen] di scarpinelli al n.o di 523 [.] la Citta atorno le mura di fuora a canto li fossi havendola io misurata è 12 mila et 860 passi nostrali computatovi anco il passare due volte il fiume per barcha, e tre per dir meglio p(er)che vi è un Isoletta di 200 passi, e tutta ho circondata in due hora et 3. quarti o tre hore al piu; Il Palazzo del Re che lo chiamano Louere è bello e vi sono belliss.mi panni di Arazzi di oro et alcune Gallerie ma non sono finite. Per tutto il Regno di Francia dicono che S. Maesta cavi del Sale per almanco un Milione et mezzo d’intrata vi sono de molte lepre, conigli, quagli, et nella Citta per tutto l’anno si amazzano de porci; li tordi ve [fol. 51r] ne sono pochi et de beccafichi non se ne vedono, et finalm.te se per mezzo le strade della Citta non pasasse un ricagnolo di certa aquaccia fetida che da ciascuna casa escie la quale rende puzzo per tutto maxime l’istade11 che bisogna portare in mano fiori et altri odori, di superare il fetore ancor che si usi molta dilig.za con quantita di caretti che portano via dette sporcitie sarebbe bello stare in Pariggi, la qual Citta non di meno patisce di m.te cose come de varie frutte di Meloni, di Cocomeri, de fichi, di persichi, de limoncelli, di Cedri di mela(n)gole et altre cose simili [einige Wörter ausgestrichen].

  • 12 Le chiffre est difficile à lire mais c’est sans doute 15 000.

26Intorno alle mura della Citta come anco di fuora sono de molte mole da grano accanto quale si voltano con le case secondo [li venti?] che tirano; la Citta in se stessa per le mura non è molto forte; ma e ben forte di gente, benche hora dicono vi sono da 350 mila anime, e li anni passati ina(n)zi le Guerre [fol. 51v] dicono che ascendesse al n.o di 640 mila; Vi e una fortezza chiamata la Bastia piccola ma ben fatta anticam.te da gl’Inglesi nella quale vi e una Armeria et poco discosto l’Arsenale con poche Arteg.rie et anco poca gente da lavorare; Vi sono nel Regno di Francia 15/m12 titolati di Duchi, Principi, Marchesi, Conti e SS.ri; Vi sono in d.to Regno 112 Vescovati et 11 Arcivesc.ti compresovi quello di Avignione, vi sono anco in d.o Regno 714 di Badie, e 36. fiumi Reali.

  • 13 Saint-Denis.

27Due leghe fuor di Pariggi vi è un Villaggio grosso chiamato San Dioniggi13 dove è una grande e bellissima Chiesa del sudetto Santo con molte Relliquie et un gran pezzo di legno della Croce di Xto N(ostro) S(ignore)[;] quivi sono 36 Depositi de i Re di Francia antichi et moderni, tra quali da 6 fuor di modo bellissimi ornati con molte statue di marmo bianco et altri bassirilievi di bianco et nero, et una Cappella fatta dalla Regina Madre Catherina Medici assai ben grande con mirabile architettura et spesa benche non sia ancor finita; Vi sono anco in detta [fol. 52r] Chiesa la Corona Reale di oro masiccio fatta da questo presente Re Henrico 4.to per la sua incoronatione e lo scietro non di molta spesa, ma quella che vi era di gran gioie di valuta di un Milione d’oro fussi disfatta gli anni passati per le Guerre [;] quivi anco è il Manto Reale di Velluto pavonazo ricamato de gigli d’oro et un bellissimo Corno di Avolio, dicono fussi di Astolfo, et altre cose simili.
[…]

  • 14 Jacques Davy du Perron.
  • 15 Pomponne de Bellièvre.

28[fol. 54r] Il Sig.re Card.le legato alli 19 di Settembre 1596 andò all’Audienza in Pariggi dove Sua Maestà fece la Ratificatione di quanto Mons.re di Perona14 fece a Roma dinanzi al Papa Clemente ottavo et da Sua Maestà sottoscritto in quattro fogli di carta pecora et con un suo gran Sigillo quale detta Sua Maestà sottoscrivendolo in una finestra per il che il Sig. Card.le legato gli sogionse che con più sua comodita dovesse farlo quivi appresso dove era un Tavolino; per il che Sua Maestà gli rispose che non li tremarebbe giamai la mano per sottoscrivere simil cosa, dove presente stava Mons.re Gonzaga Vescovo di Mantova Nuntio; Il Duca di Nivers; Mons.re Grimani Vescovo di Torcelli et Monsù di Bellievi15 Consigliero di Sua Maestà et il giorno sequente dal Sig.re Card.le legato fu spedito espresso Corriero alla Santità di N(ostro) S(ignore) Papa Clemente ottavo, con nuova et copia di sudetta Rattificatione.

[fol. 55r-fol. 55v]16 Viaggio fatto dal sud: Sig. Card.le leg.to da Pariggi a Roano dove S. Maesta stava a far la Semblea17 [Voyage d’Alexandre de Médicis de Paris à Rouen où le roi faisait l’assemblée]

  • 16 Le titre est légèrement coupé sur le dessus. C’est le signe que l’auteur ne tenait pas son journal (...)
  • 17 l’assemblea.
  • 18 Saint-Germain-en-Laye.
  • 19 regalò.
  • 20 gentilhuomini.

29[fol. 55r] Partendosi dunq. SS.ria Ill.ma di Pariggi domenica matt.a li 8 Xbre 1596 doppo desinare montò in lettica et li altri Vescovi et Prelati gintilh.o a cavallo la sera si arrivò a San Germano18 Castello dove SS.ria Ill.ma alloggio col Principino di Condé et dal Marchese de Pisani che lo recalo19 con belliss. banchetto et p.ma veduto il Palazzo in fortezza et un belliss.mo Giardino con molti bei viali di varie spalliere e fonti, et app.o un gran bello Barcho cinto di mura dove sono m.ti animali da Caccia; l’altra famiglia poi in barcarno in Pariggi la matt.a seguente SS.ria Ill.ma partì di San Germano acco(m)pagnato dal sud.o Marchese circa doi miglia app.o sino a Poissi Villaggio, dove le barche stavano spetta(n)do e quivi è un ponte murato di 26 archi et una gran belliss.ma Chiesa dicono fondata da San Dioniggi nella quale vi e un Monast.io di Monache la mag.re parte Baronesse et altre nobili di Francia, il Sig.re leg.to poi entrò in barcha con tutti Prelati gintilh.i20 et suoi Can.i tra tutti al n.o di 22 la qual barche era coperta di tavole e parata di Tappezzarie dove era un piccolo Camerino per ritirarsi [fol. 55v] et in due altre barche vi andarono da 15 persone l’una et poi nel gran barcone oltre le molte some de cariaggi et 4 Carozze, vi erano da 60 persone restando ne anco in Pariggi quasi un terzo […]

[fol. 57r-fol. 63r] : Roano [Rouen]

  • 21 Retz.

30[…]
[fol. 57r] Poi quattro giorni appresso ritorno Sua Maesta da Pariggi et SS.ria Ill.ma alli 24 d.o andò all’Aud.a dal Rè et la mat.a seguente 25 d.o festa della Nativita di Xpo: N. S.re il Sig.re Card.le leg.to [fol. 57v] andò al Duomo accompagnato da sud.i Card.li et Duca di Res21 et quivi SS.ria Ill.ma celebrò messa cantata dove interven(n)e S. Maesta Xp.ma altri Duchi e Principi et conseguentemente comunico gran populo, et infine da SS.ria Ill.ma dato la gra(n) Indulg.a S. Maesta poi si parti et quivi nella piazza del Duomo trovo in ordinanza in ghinochioni al n.o tra poveri et ricchi di 200 che havevano il male delle scrofule a q.li S. Maesta a tutti toccava con sue mano nella guancia, e sotto al Collo dove havevano d.o male, et diceva queste precise parole, (il Rè di Francia vi toccha e Dio vi guarisce) et dietro a S. Maesta andava un suo ministro dando a ciascuno di loro Elemosina; il Sig.re leg.to vidde alquanto d.a att.ne et poi se ne ritorno a casa accompagnato da sud.i Card.li et Duca di Res i quali restorno con SS.ria Ill.ma a desinare con farlli un sontuoso banchetto.

31Il giorno sequente festa di Sanʼ Stefano nella Chiesa di San Michele la Principessa Vedova di Condé Mad.e del Princip.o fece l’abiurat.ne et si fece Catt.ca in mano del Sig.re Card.le leg.to q.le stava parato de Peviale bianco dove intervene il Contest.le l’Amiraglio di Mare loro zij Madama di Nemurs et [fol. 58r] Madama del Contest.le et altre Madame principale et app.o un populo tanto grande che non posseva capire in chiesa quantunque fussi la guardia de Todeschi quivi in d.a Chiesa SS.ria Ill.ma donò un bell.mo Paleotto di Domasco bianco et altri simili di valuta circa 60 D.ti [.]

  • 22 L’auteur ne suit donc pas le calendrier de style florentin, qui faisait commencer l’année au 25 mar (...)
  • 23 Reims.
  • 24 ducato.

32Domenica alli 5. di Gien.o 159722 nella Chiesa di S.to Antonio Chiesa principaliss.a et bell.ma come il Duomo doppo S. Maesta udito Vespro creo 22 Cav.ri di S.to Spirito tra quali vi fu il Contestabile l’Amiraglio di Mare il Marisciale Alfonso Corso, et il Sig.re Guglielmo Guadagni fiorentino detto Monsù di [ein Wort unleserlich] che e luogoten(en)te di S. Maesta in Lione et la Cerimonia durò sino alle due hore di notte [;] attione fu in vero bella ma piu bello fu la mat.a sequente del Ephifania che dal Arciv.o di Rens23 si celebro messa cantata del Spirito S.to con intervento del Sig.re Card.le leg.to invitatovi p.ma da S. Maesta Xp.ma quale SS.ria Ill.ma stava solo et sotto a un nobiliss.o Bald.no et li SS.ri Card.li Gondi et Gieveri stavano in una pancha presso al Altare come anco app.o di [fol. 58v] loro 6 Arciv.vi et Vescovi Cav.ri di d.o ord.e [.] S. Maesta poi con detti novi Cav.ri et altretanti de vecchi che tra tutti al n.o di 44 stavano nel Choro et S. Maesta sotto a un sontuosiss.mo Bald.no et nel passar che faceva d.a Maesta et Cav.ri di(n)anzi al Sig.re leg.to facevano tutti si belle [Parole?] a SS.ria Ill.ma che certam.te non si potrebbe dir piu et all’offertorio ciascuno portavano una facola accesa con un D.o24 d’oro et S. Maesta 43 D.ti tanti D. qua(n)ti Anni lui ha, et poi si comunicorno tutti con belliss.o ord.e et infini il Sig.re Card.le leg.to dato l’Indulg.a andorno poi a desinare in un grandiss.o et bel reffetorio di essa Chiesa stando la tavola rialto doi scalini nella q.le vi era il Re et il Sig.re leg.to et a man‘ destra un’altra tavola più bassa presso la sua vi stavano li SS.ri Card.li Mons.re Nuntio et li altri 6 Arciv.i e Vescovi et a man sinistra stava la tavola de sud.i 44 Cav.ri tra quali vi erano li Principi, li altri Marchesi Conti et SS.ri di portata quali tutti vestivano a un modo di un belliss.o habito di Velluto purporo fatta d.a Veste a uso di zincharescha che trascica di dietro a man [fol. 59r] destra un braccio, ricamata d’oro et argento di Gigli et raggi e sopanata di raso ranciato, et una mozzetta a uso di Card.le sopra le spalle di Teletta verde d’oro ricamata e soppanata del med.o di la veste dicono di valuta da 600 ▼ et poi al Collo con l’ord.e di Collana d’oro smaltata fatta de lettere in cifra et appiedi con croce di S.to Spirito di valuta da 300 ▼ e questa dicono che S. Maesta gli dona a detti novi Cav.ri quali di sotto vestivano di bianco che di teletta d’argento et chi di raso e sino a spada e scarpe di bianco, e la berretta di veluto nero alla Spag.la con qua(n)tita di giojie de Diama(n)ti et una infinità grande di perlle m.to grosse et in part.re Sua Maesta che raguagliato ciascuno dicono che havessero per m/40 ▼ e la som(m)a de tutti de doi milioni d’oro. Hor qui veram.te la grandezza et sple(n)dore di questa attione non potrei dire tanto a longo che arrivasse a gran pezzi, come anco app.o vi erano 4 sorte di musica et una guardia circa doi mila soldati la mag.re parte armati [.] doppo fenito il superbo banchetto Sua Maesta con tutti Cav.ri tornorno al Vespro de loro defunti Cav.ri vestiti di nero con l’ordine di detta Collana e quivi il S.re leg.to non vi se trovo ne meno la mat.a segue(n)te alla messa [.]

33[fol. 59v] Il Sig.re Card.le leg.to alli 9. detto doppo haver celebrato messa piana nel Duomo comunico la sud.a Prencipessa di Condé e poi da SS.ria Ill.ma quella mat.a fattoli un sontuoso banchetto assieme con le Madame di Nemurs di Ghisa, il Contestabile co(n) sua moglie l’amiraglio di mare, et altre Madame, che in vero piaquorno a tutte talm.te d.o banch.o che da loro istesse si invitorno p(er) un’altra volta [.]

34Alli 12 detto il Sig.re leg.to poi nel Duomo Cresimò Cesare Monsù figl.o di Sua Maesta Xp.ma et per Compare, vi fu il Duca di Mompinsiero, et per Comara Madama di Nemurs [.]

35La Citta di Roano situata in belliss.a pianura a piedi di una Collina canto le mura vi passa la Sena med.o fiume di Pariggi ma quivi assai piu grande, nel quale vi è un bel porto co(n) molti Navili che giornalm.te vi arrivano de Inghilterra, de Fiandra, di Portogallo et altre parte, e secondo arrivano d.e Navi scaricano 4 e sei pezzi di Arteg.rie discosto dal gran mare Oceano 6. leghe e dal Isola de Inghilterra 30. la Citta havendola misurata per via dritta di lunghezza sono 2260 passi nostrali, et larga 1820 [;] le Case sono tutte di legno cioe ordite di legno, e di trama di calcia a pietre, e molto merca(n)tile rispetto a quel porto, e populatiss.a dicono circa a m/60 anime [;] le Chiese sono tutte fuor di modo belliss.e in part.re il Duomo

  • 25 Ces quatre pages vierges résultent de la façon dont les feuillets furent pliés ensemble. La page fo (...)

36[fol. 60r-61v sono pagine vuote]25

37[fol. 62r] il Duomo con doi belliss.i Campanili et altri 4. piccoli che accompagniano la facciata superbiss.a con m.ti Intagli di dentro e fuora alla Chiesa con una gran qua(n)tita de Colonati co(n) spesa estimabile, et un Organo si grande e bello m.to maraviglioso vi e anco una Campana si grande e bella dicono la mag.re sia in Francia et si e misurata che sono 40 palmi et mezzo di giro et di altezza XI et il martello grosso cinq. et mezzo, a sonarlla vogliono 30 huomini et le fune stan(n)o in 4 parte con m.to bella architetura (benche anco ne siano due altre belliss.e nel Duomo di Pariggi una di 36 p.mi et l’altra di 33) e per tutte le Chiese di Francia sono le Altari volte verso il levar del Sole, etiam quelle per le Cappelle di fianco nelle q.le vi se vedono anco nelli Chori belliss.mi leggij di ottone di gran fattura et spesa [.]

38Vi sono due fortezze la principale la chiamano S.ta Chaterina che e fuor de la porta nella sud.a Collina e mal tenuta ma principio di nova e gran bella muraglia dove sono da 200. soldati tra q.li in 30 Italiani et da 30 pezzi di Arteg.rie e di fuora ancora vi se vedono le Trinciere et mine fatte dal p.te Re quando vi mes(s)e l’assedio a Roano Detta fortezza nel isteso tempo da quel populo di Roano la cominciorno a mandare a terra [fol. 62v] per rovinarlla affatto cosi resoluto allora nella Semblea; il vivere in d.a Citta vi era molto caro tanto piu p(er) esservi allora tutta la Corte ma della robba grandiss.a quantita e gra(n) penuria di ortaggi e vi se vedono belle e bone carne in gra(n) qua(n)tita dove vi sono contate 160 Beccharie et altre simile.

  • 26 Gaillon.
  • 27 si ha.
  • 28 Amboise.
  • 29 regalato.
  • 30 paradiso ?

39Il Sig.re Card.le leg.to alli 5. febb.o 1597 si partì di Roano de ritorno a Pariggi facendo la med.a strada nelle sud.e barche ancor che si venesse contro aqua mettendovi doppie giornate dove la sera seq.te si arrivo al tardi al sud.o Gaglione26 dove d’incontro ven(n)e su la riva il sud.o Arciv.o di Roano e con carozze e cavalli e torcie per condurre SS.ria Ill.ma i Prelati et altri della sua famiglia al sud.o luogo come fece dove sia27 un nobiliss.o Palazzo posto in Collina fatto dal Sig.re Card.le Ambasia28 antecessore del sud.o Arciv.o dove SS. Ill.ma dimoro la sera e tutto il giorno mentre che dal sud.o fratello del Re fu certam.te recalato29 con superbiss.mi banchetti e co(n) tanto amor di benevolenza che piu non si potrebbe dire [;] poi si vidde il sontuoso Palazzo q.le e in fortezza co(n) gran fossi atorno che in vero vi sono gran quantita di stanze belliss.e adobbate di nobili et ricchi param.ti conforme [fol. 63r] alla grandezza di detto Arciv.o et in part.re un letto di broccato d’oro assai benʼ grande piu che l’ord.o con varie storie et 2. superbi Baldachini di valuta 6. mila ▼ di et app.o la gra(n) Sala vi e una belliss.a Cappella fatta del d.o Card.le Ambasia dove giornalm.te si celebra i divini offitij essendovi unʼ Clero di 12 Can.ci [;] nel sud.o luogo vi sono 3 Gallerie dove nella minore sono gran quantita e belliss.e pitture e le 2. altre mag.e sono si lunghe come quelle del Papa in belvedere a Roma con loggie diansi [sic] alla Sala di belliss.a et vaga vista; poi fuor del Palazzo in detta Collina vi e un gran e belliss.mo barcho cinto di mura circa 3. miglia de cercuito dove sono infiniti animali da caccia di Caprij di Deine, di lepre et conigli che entrandovi dentro viddi certo 3. branchi sud. che parevano vedere branchi de pecore et app.o fuor di esso barcho vi e una Chiesa piccolina bene anticha che la chiamano Bettalem fatta nel modello di Bettalem che e in Gierusalem [;] poi sotto al Palazzo nella pianura et similm.te di sopra vi sono belliss.i Giardini con gran copia di frutti e diverse forme di spalliere che veram.te mi pare in q.o mo(n)do sta(n)za di parad.o30 [.]
[…]

[fol. 64r-fol. 66v] Pariggi [Paris]

40[fol. 64r] Il sud.o Card.le leg.to poi in detta Citta di Pariggi alli 23 detto fece publicare il gran Giubbileo di N. S. e poi con gran concorso di quel populo visitando 3 giorni le Chiese deputate et il sabato p.mo di Marzo 1597 si fece la process.ne Generale co(n) tutti Cleri et regole di relligiosi et con la presenza di Sua Maesta Xp.ma q.le andava di compagnia col Sig.re Card.le leg.to et app.o li SS.ri Card.li di Giogiosa et Gondi e dietro seguitavano il Parlam.to et altri mag.ti di detta Citta, et di(n)anzi a Sua Maesta andavano li Vescovi Prelati et circa 20 Cav.ri di S. Spirito con l’ord.e di Collana al collo come haveva anco Sua Maesta et cosi partendosi dal Duomo [fol. 64v] si andò a S.to Agostino dove dal Sig.re Card.le Gondi si celebrò messa cantata; il Vangelio et la Pace a Sua Maesta assisteva il Sig.re Card.le Giogiosa, et al Sig.re Card.le leg.to l’Arcivesc.o di Burges [.] fenita la messa il Sig.re leg.to con suoi Vescovi e Prelati ando a desinare col Sig.re Card.le Gondi dal q.le recevette un sontuoso banchetto, come anco la matt.a segue(n)te che da detto Sig.re leg.to similm.te nel Duomo celebrò messa cantata et conseque(n)tem.te comunicò il populo in gran n.o poi detto Sig.re leg.to scrisse a tutti Vescovi nel Regno di Francia che dovessero anco essi publicare per le loro Chiese il sud.o gran Giubbileo di N.ro S.re [.]

41Il Sig.re Card.le leg.to alcuni giorni doppo volendo andare al’Audienza di Sua Maesta quale era ritornato dal Armata presso Amiens il che Sua Maesta fece intendere volere andare da SS.ria Ill.ma in casa sua come fece alli 14 Aprile dove dimoro a negotiare per spatio di un hora et mezza che fu certamente favore molto grande non essere solito gli altri Re di Francia che siano andati a visitare nesuno Card.le leg.to [.]

42[fol. 65r] Alli X. di Maggio 1597 Monsù di Sansi Heretico fece in mano del Sig.re Card.le leg.to l’abiurat.ne e fattosi Catt.co huomo tanto noto in Francia per il suo valore et gran ricchezza presso un Milion d’oro, et per essere anco del gran Consiglio di Sua Maesta Xp.ma dal quale sia intieram.te favorito [,] et vedutosi certam.te con m.to affetto di cuore fare detta attione poi che 15 giorni di prima venisse da SS. Ill.ma una sera alle 3. hore di notte che ogni uno della Corte era a letto in Compag.a con Mons.re di Perona a disporre detta sua buona volunta et tra le altre disse col Sig.re leg.to che non li pareva vederʼ quelʼhora di ridursi a talʼatto dubitandosi di morire, dal quale poi si e inteso havere havuto gra(n)diss.ma persecut.ne da molti heretici a boccha et p. l(ette)re che li venivano de Inghilterra di Alemangia, di Ginevra, da Basilea accio non si dovessi fare Catt.co, ma l’essere principalm.te spirato da Dio si fece a loro dispetto, e dette ciertam.te universale molto contento discorendosi per esser lui d’inportanza quanto sia la sud.a Prencipessa di Conde [fol. 65v] et altri capi principali Heretici come quello si ha gran speranza ne habbia da tirare de molti altri alla S.ta fede di Xpo. Nro. S.re, il che piaccia a Sua Divina Maesta di esseguire per il bene universale della Christianita, e la moglie e figli ne sentirno contento infinito per essere che lei sia come una Santa [.]

43Alli 28 di Giug.o 1597 il Sig.re leg.to fece un donativo alla Chiesa di San Paolo sua parrochia di un Peviale, una Pianeta con dua Tonicelle, un Paleotto, Legij et altri simili tutti di broccato d’oro facendolo venire da Fiorenza, fenito ogni cosa di tutto punto con sue trine e francie d’oro di valuta intorno a mille scudi alla qual Chiesa fu intieram.te molto grada e si come SS. Ill.ma ha fatto in altre Chiese di Pariggi et in part.re alla Chiesa di Giesuiti [.]

44Alli 13 di luglio 1597 il Sig.re leg.to in sud.a Chiesa di San Paolo Battezzò doi huomini un Turcho et un Moro che da Mons.re Vesc.o Gonzaga Nuntio, e da Mons.re Grimano Vescovo di Torcelli furno tenuti al Batesimo [fol. 66r] dove era gran concorso di populo i quali da Sua [Signoria] Ill.ma furno vestiti di bianco, e poi datoli altra Elemosina [.]

45Mandato da Sua S(a)n(ti)ta un altro gran Giubbileo il Sig.re Card.le leg.to lo fece publicare in Pariggi e poi scrisse a tutti Vescovi del Regno che dovessero ancorʼ loro publicarllo nelle loro Chiese e l’ultimo giorno Agosto 1597 si fece la processione G(e)ne(ra)le con tutti Cleri e Regole di relligiosi, e perche Sua Maesta non si trovava in Pariggi il Sig.re leg.to ando di compag.a col Sig.re Card.le Gondi et app.o andavano suoi Vescovi et Prelati et altri Vescovi fransesi, e di dietro seguitava il Parlamento et altri Magistrati di detta Citta, et cosi partendosi tutti dal Duomo si ando a S.to Agostino, dove quivi da Mons.re Vicario del Sig.re Card.le Gondi si celebrò messa cantata, e poi li tre giorni di detta settimana Sua S.ria Ill.ma visito le Chiese deputate con tanto gra(n)diss.mo concorso di populo e devot.ne mag.re che piu imaginar si possa, dove anco si fecero digiuni universale per tutta detta Citta di Pariggi serrandosi in quel [fol. 66v] istante tutte le Beccarie et arrosticcieri; poi alli 7. di Sett(em)bre nella Chiesa di S. Paolo Sua S. Ill.ma celebrò messa piana et consegue(n)tem.te comunico tutta la sua famiglia e populo e Come p. tutte le altre Parrochie si comunico il populo in gran numero, come fusse stata la matina de Pascha [.]

46Similmente SS. Ill.ma fece un donativo alla Chiesa di Bernardini fuor della porta di Pariggi di un Paleotto, Peviale Pianeta con sue Tonicelle et altro simile di broccato d’oro riccio sopra riccio con sue francie e trine d’oro di valuta di circa 800 scudi cosa in verita belliss.a, dove quei Pad.ri hebbero tale e tanta gran contentezza che non requiorno per lungo tempo di rendere a detto Sig.re Card.le leg.to infinitiss.me gratie [.]

[fol. 67r-fol. 70r] Viaggio fatto da detto Sig.r Card.le leg.to da Pariggi a San Quintino, et a Vervino p. il neg(oti)o della Pace [Voyage du cardinal-légat de Paris à Saint-Quentin et Vervins pour négocier la paix]

47[fol. 67r] Viaggio fatto da detto Sig.r Card.le leg.to da Pariggi
a San Quintino, et a Vervino p. il neg(oti)o della Pace

48Partendosi dunq. SS.ria Ill.ma di Pariggi sabato mat.a li 18 ott(o)bre 1597 in lettica et li altri Vescovi Prelati gintilh.o in Carozza et parte a cavallo come anco li altri della corte al n.o di 80 cavalli restandone in Pariggi un terzo della Corte […]

  • 31 Saint-Quentin.
  • 32 Sillery.
  • 33 dicembre.

49[fol. 67v] […]
[In Margine: San Quint.o]31 […] vi e una bellissima et maravigliosa Chiesa adorna con infinite statue e di belliss.ma archittetura con grand.ma spesa [.] vi e poi un belliss.o Choro con m.ti Can.ci et Cappellani [.] qui SS. Ill.ma donò un Paleotto et altre simile et similmente vi dimoro circa 4 mesi per il neg.o della Pace tra le due Corone, et in p.ma alli 24 di Nov(em)bre Monsu de Selleri32 arrivò dal Sig.re leg.to e poco app.o il G(e)ne(ra)le di zoccoli che veniva di Fiandra tratten(en)dosi [fol. 68r] lor dua col Sig.re leg.to circa un mese, poi li 26 Xbre33 partì detto Selleri et il G(e)ne(ra)le per Pariggi ambe dua per neg.re con Sua Maesta, di che detto G(e)ne(ra)le fu de ritorno a S. Quint.o alli 15 Gien.o 1598 dove dal Sig.re leg.to si tratten(n)e un giorno solo e poi ando a Brusselles dal Sig.re Card.le Arci Duca, e di novo li 27 d.o ritorno in Cambrai con li Deputati della Pace per parte del Re Catt.co che fu il Ricciardotto, il Tasso et il presidente spag.lo che serviva per Sec.rio, il G(e)ne(ra)le alli 28 detto torno dal Sig.re leg.to et li detti Deputati dimoravano in Cambrai sin che arrivaserno al Sig.re leg.to li altri per parte del Re di Francia che fu Monsù di Bellieveri et Monsu de Selleri q.li li 3. di febb.o 1598 arrivorno dal Sig.re leg.to in sud.o luogo di S. Quint.o [.]

  • 34 Vervins.
  • 35 Mercœur.
  • 36 Anjou.

50Venerdi matt.a dunq. li 6. detto SS. Ill.ma partì da San Quint.o nella sua solita lettica, e li Prelati parte in Carozza e parte a cavallo come anco li altri di corte e p. strada passando alcuni fiumi aguazzo dove si pati grandemente e con periculo [.] la sera si allogio a Guisa terra [fol. 68v] grossa con Cittadella forte [.] li 7. detto si parti et p. strada si pati altri naufragij di aqua [.] la sera si arrivo a [In Margine: Vervino]34 Vervino Castel piccolo dove si riceverno le solite allegrezze [.] si ando alla Chiesa dove si canto il Te Deum e dato la solita Indulg.a Poi li 8. detto arivorno dal Sig.re leg.to li sud.i Deputati di Spagna, con il G(e)ne(ra)le che li conduceva et il giorno sequente 9. detto cominciorno a fare la p.ma Semblea nella q.le il Sig.re Card.le leg.to fece un lungo e belliss.o Sermone esortando ambe le parti con quel mag.re effetto di cuore che im(m)aginare si possa accio venissero alla conclusione di d.a Pace et altre simile parole, poi di giorno in giorno seguitavano d.a Semblea dove interveniva il Sig.re Card.le leg.to [,] Mons.r Nuntio [,] Vesc.o di Mantova [,] li 4 Deputati [,] il Presid.te Sec.rio et il sud.o G(e)ne(ra)le de zoccoli [.] poco app.o in d.o luogo di Vervino vi arrivò anco un Ambasciatore di Savoia ma però non interveniva nella Semblea; et alli 2. di Marzo il Sig.re leg.to spedi Mons.re Ragazzoni in Brettagna dal Sig.re Duca di Mercurio35 per il neg.o di detta Pace et negotiando anco detto Mons.re con Sua Maesta che allora si trovava in Angiù36 [fol. 69r] doi giorni doppo di Vervino parti un Corriero in dilig.a alla volta del Re di Spagna spedito da suoi Deputati quale fu de ritorno in Vervino alli 4. di Aprile dove alcune hore doppo d.i Deputati fecerno una co(n)gregat.ne con il Sig.re leg.to e poi sub.o d.o Corr.o parti per Brusselles dal Sig.re Card.le Arci Duca alli 6. detto similm.te ritorno l’Amb.e di Savoia et il Tasso che poco prima erano andati da detto Arci Duca, et alli 14 d.o partì anco di Vervino il

  • 37 brindisi ?
  • 38 Coucy ?
  • 39 cameriero ?

51Ricciardotto alla volta di d.o Arci Duca dove da Sua Altezza si tratten(n)e solo doi giorni che li 19 detto ritorno dal Sig.re Card.le leg.to li 20. d.o di novo parti di Vervino il G(e)ne(ra)le de Zoccoli alla volta del Card.le Arci D.a trattene(n)dosi ancor lui poco che alli 25. d.o ritorno co(n) dilig.a dal Sig.re leg.to al q.le il giorno ava(n)ti li arrivò un Corr.o spedito per strada da d.o G(e)ne(ra)le iudicandosi che portassi bona nova come fù, et alli 27 d.o li Deputati di Francia spedirno Corr.o a lor Re in Brettagna et alli 28 et 29 si fecerno lunghe congregat.ni che poi li 30 d.o Monsu di Bellieveri e Selleri ciascun di loro banchettorno il Sig.re Card.le leg.to e Prelati [.] Il p.mo di Maggio 1598 facendosi un’altra lunga co(n)gregat.ne, come anco il vene(n)te 2. d.o che poi il Sig.re leg.to spedi [fol. 69v] Corr.o in dilig.a per Italia a Sua S(a)n(ti)ta che portò la gran nuova della conclusione della S.ta Pace tra le due Potentiss.e Corone et l’Alt.za di Savoia, che non solo fu di grandiss.o benif (iti)o delli doi Potentiss.mi Regni ma di tutta assieme la Christianita, Come al mondo ogni giorno apparira mag.re; quivi tene(n)dosi per molti giorni secreto volendo il Sig.re leg.to che p.ma lo publicasse Sua Maesta dove allora stava in Brettagna ma da tutti si teneva per certiss.o [atteso?] per li banchetti che si facevano, come anco li 4 d.o il Ricciardotto banchettò il Sig.re leg.to e Prelati con farlli belliss.o apparec.o sicome il vene(n)te fece il Tasso al Sig.re leg.to Prelati e Deputati di Francia et il simile fece l’altro giorno venente il Preside(n)te Spag.lo alli med.i co(n) nobiliss.o apparechio facendo servire m.te robbe e confetture di Fiandra e tutte ambe le parti fecerno molti [brinzi?]37 nominando principalm.te le buone gratie di Sua S(a)n(ti)ta; le due Corone il Sig.re leg.to et l’Altezza di Savoia; il giorno avanti ritorno di Brettagna il Corr.o che si spedi a Sua Maesta Xp.ma et come anco il giorno vene(n)te ne arrivorno doi altri similm.te mandati da Sua Maesta et alli 7 d.o li Deputati di Spag.a spedirno un Corr.o in dilig.a al Re di Spagna sicome p.ma fece anco l’Amb.e di Savoia al suo Principe; alli X d.o giorno della Pentecoste Il Sig.re Card.le leg.to celebro messa dello Spirito S.to e fece un sontuoso banchetto alli Deputati di Francia sicome anco fece li [fol. 70r] giorni venenti a quelli di Spagna, e poi a quel di Savoia et a Madama di Cosci38 padr(o)na di Vervino [.] Dom.ca sera poi li 17 detto festa della Santiss.a Trenita il Sig.re Card.le leg.to publico la detta Pace a Madama di Cosci, di che essa Madama ne rese quelle gratie a Iddio che mag.ri [non] si possano [;] ando sub.o alla sua Chiesa di far cantare il Te Deum sonar Campane et altre allegrezze, e la sera da quel populo si fecerno molti fuochi e ciascun andavano con una candela di cera benedetta in mano [;] il med.o giorno li Deputati di Spagna spedirno in Brettagna un Cam.ro39 del Re Catt.co su le poste p. far rendere la fortezza di Blavett in mano al Re di Francia il qual Cam.ro il giorno avanti ven(n)e dal S.re Card.le Arci Duca; doppo questo due porte di Vervino q.li erano state serrate un gran tempo p. le guerre furno aperte, e si vedevano venire fiamenchi diversi et andare fransesi in Fiandra per loro negotij […]
[…]

[fol. 76r-fol. 77v] Viaggio del ritorno di detto Sig.re Card.le leg.to Da Pariggi a Ferrara dove stava Sua Santita [Voyage de retour de Monseigneur le cardinal de Paris à Ferrare où se trouvait Sa Sainteté]

52[fol. 76r] Principalm.te doppo che SS. Ill.ma hebbe resoluto la sua partita con Sua Maesta col quale non se licentio in Pariggi ma app.o come se dirra attend(end)do dunq. far le visite in Pariggi a quei Principi et Principesse e come loro le resorno in gran n.o, et il Contestabile et Madama sua moglie fecerno donativo al Sig.re Card.le leg.to di due belliss.e Chinee et SS.ria Ill.ma donò a loro un belliss.o quadretto d’oro con giogie di gran valuta [;] oltre questo venero a visitare il Sig.re leg.to il Parlam.to Camera de Conti, et altri Mag.ti che ciascun di loro fecerno un Orat.ne come anco li Collegij de Studij et in part.re quello del Universita che erano 9. con veste lunghe di rosso et uno pavoanzzo che fece la oratione, dianzi a loro havevano donzelli che portavano 7. mazze di argento belliss.e, ven(n)ero anco li Rettori di Theologgia con veste pavonazze facendo anche essi l’Oratione quali tutti restorno grandem.te sodisfatti delle resposte che il Sig.re Card.le leg.to fece a essi [.]

  • 40 Villeneuve-Saint-Georges.

53E cosi l’ultimo di Agosto 1598 il Sig.re Card.le leg.to parti di Pariggi nella sua solita lettica et li Vescovi Prelati e tutta la Corte a cavallo e poco appresso venivano anco per accompagniare [fol. 76v] SS. Ill.ma il Sig.re Card.le Gondi li Vescovi di Umans di [Enurs?]; di Pariggi, di Boues, et il Sig.re Girolamo Gondi tutti in Carozza e con molti altri SS.ri sino a Villa nova S. Giorgio40 Villaggio dove quivi tutti desinorno con il S.re Card.le leg.to poi essi si licentiorno ritorna(n)dosene a Pariggi [….]

  • 41 Fontainebleau.
  • 42 settembre.
  • 43 Soissons.
  • 44 d’Épernon.
  • 45 Bellièvre.

54[In Margine: Fontanableo]41 […] la mat.a seguente p.mo di 7bre42 partì [,] si arrivò a desinare a Fontanableo, dove un miglio app.o ven(n)e incontro il Contestabile con altri Cav.ri e bona comitiva de Cavalli et arrivato al sud.o luogo SS. Ill.ma smonto di lettica et a mezze scale del Palazzo fu inco(n)trato da Sua Maesta Xp.ma con molti Principi app.o quale con m.ta accoglie(n)za abbraccio SS. Ill.ma poi lo condusse in Galleria et a vedere altre [fol. 77r] stantie, il Sig.re leg.to quella mat.a desino con suoi Vescovi et con il Cont. di Sueson43 et quivi se dimoro tutto il giorno et la mat.a sequente a desinare, dove Sua Maesta li mostro il belliss.o Palazzo giardino e fonti li 2. detto doppo SS. Ill.ma haver udito messa negotiò con Sua Maesta circa 3. hore quale doppo lo presento con sue mane di un vaghiss.o e belliss.o Diama(n)te di valuta 14 mila ▼ di che tanto fu conpro pochi giorni avanti [.] donò similm.te Sua Maesta Collane d’oro di 400 et di 300 ▼ di dell’una al Sig.re Pietro del Nero Nipote del Sig.re leg.to al S.re M.ro de Cerimonie et al S.re Pietro Giacomo M.ro di Cam.ra de SS. Ill.ma quale fu fatto Cav.re di S. Michele dal Sig.re Duca de Pernone44; Il Sig.re Card.le leg.to poi desino con Sua Maesta facendoli molto honore con regalarllo piu voltee con musica Reggia et quivi similm.te S. Maesta donò al Sig.re leg.to un gran et belliss.o Cane di Brettagna et fenito il banchetto se ritirorno in Camera in publico per spatio di un hora negotiorno ambe dua a sedere con lo interprete di Bellieveri45 che qui poi SS. Ill.ma pigliò licentia dove Sua Maesta l’abbracciò molte volte con gran amorevolezza poi Mons.re Nuntio Vescovi e Prelati et alcuni altri gintilh.o fecerno Riverenza a Sua Maesta a quali uno p. uno li fece m.ta accoglienza mettendoli la mano sopra le spalle et segno [fol. 77v] di abbracciarlli di che ogni uno resto sodisfatt.mo; fenito q.o complimento il Sig.re Card.le leg.to si lecentio da Sua Maesta et ritorno alle sue stantie per partie [.] in d.o luogo sono due belliss.e Gallerie depinte con stucco lunghe di 225 passi e l’altra di 85. vi sono anche 2. belliss.e Sale et 2. gran Cortili co(n) altre simile [.] poi SS. Ill.ma parti di detto luogo per il suo Viaggio et app.o una lega accompagniato dal Sig.re Contestabile, Duca di Pernona l’Amiraglio di Mare et Monsù del Grande e molti altri Cav.ri con una cavalcata di 100 Cavalli, ove poi si licentiorno […]

Haut de page

Bibliographie

Barbiche Bernard, 1997, « Un légat en voyage : le cardinal de Florence (1596-1598) », dans Élisabeth Mornet et François Morenzoni (dir.), Milieux naturels, espaces sociaux : études offertes à Robert Delort, Paris, Publications de la Sorbonne, p. 605-620.

Léon XI, 1955, Lettres du cardinal de Florence sur Henry IV & sur la France, 1596-1598 : documents inédits tirés des Archives vaticanes sur l’abjuration du roi, éd. R. Ritter, Dijon, Grasset.

Haut de page

Document annexe

Haut de page

Notes

1 Christianissima.

2 natione ?

3 Châtres (voir Barbiche 1997, p. 618).

4 Montlhéry.

5 Il s’agit sans doute de Pierre Forget, seigneur de Fresnes (voir Lettres du Cardinal de Florence 1955, p. 60).

6 Le feuillet est ici abîmé, rendant illisibles les deux lettres du milieu.

7 Saint-Maur.

8 Saint-Médéric (voir Lettres du Cardinal de Florence 1955, p. 68-69).

9 n‘è.

10 Palais.

11 estate.

12 Le chiffre est difficile à lire mais c’est sans doute 15 000.

13 Saint-Denis.

14 Jacques Davy du Perron.

15 Pomponne de Bellièvre.

16 Le titre est légèrement coupé sur le dessus. C’est le signe que l’auteur ne tenait pas son journal dans un carnet relié aux pages vierges mais qu’il mit au propre des notes prises sur une série de feuilles volantes, se réservant la possibilité de leur ajouter quelques corrections avant de les relier.

17 l’assemblea.

18 Saint-Germain-en-Laye.

19 regalò.

20 gentilhuomini.

21 Retz.

22 L’auteur ne suit donc pas le calendrier de style florentin, qui faisait commencer l’année au 25 mars.

23 Reims.

24 ducato.

25 Ces quatre pages vierges résultent de la façon dont les feuillets furent pliés ensemble. La page fol. 60r-v referme le cahier précédent tandis que fol. 61r-v ouvre le suivant. La page fol. 59r (pagination moderne, notée en bas à droite au crayon) portait à l’origine le folio 30 (inscrit à l’encre en haut à droite). Le folio 31 d’origine correspond à la page fol. 62r. Il est évident que le texte n’a subi ni censure, ni coupes ; l’auteur semble en revanche avoir écrit sans réfléchir au processus de reliure.

26 Gaillon.

27 si ha.

28 Amboise.

29 regalato.

30 paradiso ?

31 Saint-Quentin.

32 Sillery.

33 dicembre.

34 Vervins.

35 Mercœur.

36 Anjou.

37 brindisi ?

38 Coucy ?

39 cameriero ?

40 Villeneuve-Saint-Georges.

41 Fontainebleau.

42 settembre.

43 Soissons.

44 d’Épernon.

45 Bellièvre.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 : Folio 32 du journal de voyage du cardinal-légat Alexandre de Médicis. Rome, bibliothèque Angelica, ms. 1372.
Crédits Photo : Biblioteca Angelica, Rome
URL http://crcv.revues.org/docannexe/image/12391/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 3,2M
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Alessandro deʼ Medici, « Journal de voyage du cardinal-légat Alexandre de Médicis », Bulletin du Centre de recherche du château de Versailles [En ligne],  | 2014, mis en ligne le 28 octobre 2014, consulté le 26 juin 2017. URL : http://crcv.revues.org/12391 ; DOI : 10.4000/crcv.12391

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Le Bulletin du Centre de recherche du château de Versailles est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre de recherche du château de Versailles
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • Les cahiers de Revues.org